Caso Fieno: brutta e triste storia, che Viterbo non dimenticherà: i dubbi e le domande di cittapaese.it restano

Il caso Fieno sarà ricordato  a lungo in città: una brutta e triste storia, con due vittime, un presunto omicida a loro legatissimo e i misteri di una famiglia borghese tranquilla, ma attraversata da dissapori, strani silenzi, incomprensioni e distacchi emotivi inspiegabili. Comunque andrà a finire il processo che lo vedrà protagonista Ermanno Fieno pagherà la sua solitudine, i rapporti troppo sporadici per essere veri con fratello e sorella, il disagio sociale e il mancato aiuto psicologico ricevuto: non avrebbe potuto mai farcela senza l’intervento  di un esperto che lo aiutasse a cacciare via i suoi fantasmi, a superare le delusioni subite, il senso di vuoto che accompagnava la sua vita. Comunque finirà questa terribile vicenda, per quanto pesantemente pagherà le sue probabili colpe il caso Fieno non sarà mai un caso a sè, andrà raccontato e indagato in un contesto sociale molto complicato, quello viterbese, pieno di verità non dette e di ingannevoli apparenze, figlio di una crisi economica, sociale, strutturale e politica sempre più preoccupante. Certo, Ermanno Fieno, se le cose poi andranno come l’evidenza sembra indicare, sarà responsabile di omicidio, si sarà macchiato di un delitto non giustificabile, che non merita il perdono della collettività: ma avrà come  imputato  diritto alle attenuanti e finalmente ad essere supportato, aiutato, ascoltato come avrebbe dovuto essere da chissà quanto tempo. E resteranno all’avvio del processo le domande relative alla incomprensibile lontananza di sorella e fratello dalla casa di famiglia  e dagli spazi temporali del crimine e del post-crimine, l’indifferenza di un quartiere che ancora non si sa cosa sappia e cosa no, cosa abbia visto e cosa no, i ritardi di una città che non sa nè prevenire nè curare i problemi sociali, ma solo nasconderli sotto il tappeto. Provincia difficile, che ha perso il benessere economico che in passato mascherava le tante, troppe incongruenze che la pervadono.

(pasquale bottone)

 

foto: lariviera.it

About the author:

. Follow him on Twitter / Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *