Home Cronaca Bolsena-Lago, la domanda angosciata di Marta la dissidente: perchè attorno al Lago di Bolsena si continuano ad impiantare noccioleti illegalmente?
Bolsena-Lago, la domanda angosciata di Marta la dissidente: perchè attorno al Lago di Bolsena si continuano ad impiantare noccioleti illegalmente?

Bolsena-Lago, la domanda angosciata di Marta la dissidente: perchè attorno al Lago di Bolsena si continuano ad impiantare noccioleti illegalmente?

0
0

Una battaglia è in corso grazie, prima degli altri, al lavoro di tanti privati cittadini che da anni si impegnano nella tutela del lago di Bolsena.

Battaglia che riguarda da vicino gli interessi economici, e di salute, dei Viterbesi. Perché il valore dei centri storici, per fare un esempio, è nutrito e costruito sul valore del territorio che li circonda.

Il nostro territorio, seppure mal tenuto e per niente tutelato, è ancora attraente perché salubre, caratterizzato da paesaggi diversificati eppure tipici, storici, con una biodiversitá di fauna e flora unica al mondo e diverse tradizioni ed eccellenze alimentari. Se scomparisse tale patrimonio sarebbe la fine di Viterbo, il valore degli immobili crollerebbe. Questo patrimonio è minacciato da uno sconsiderato accordo della regione Lazio con la Ferrero/Nestlé, nonostante le drammatiche evidenze dell’ esperienza sul lago di Vico,che consente la monocultura intensiva delle nocciole intorno al lago di Bolsena e oltre, accerchiando di fatto Viterbo. Quanto varranno gli immobili in un paesaggio di monoculture intensive, con il lago morto e una maggiore, direi catastrofica, incidenza dei tumori?

Perché i Viterbesi, se non si danno una svegliata sul lago prima di subito, oltre a possedere immobili di nessun valore, in una città desertificata, moriranno anche come mosche di cancro.

(Marta la dissidente)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *